mercoledì 18 marzo 2009

Rotonda del Salinello: snodo per le future ciclabile


Legambiente Giulianova ha chiesto e ottenuto un incontro presso l’ufficio LLPP del Comune di Tortoreto per visionare il progetto esecutivo della rotatoria in costruzione tra la SP8 e la SS16. L’esecutivo ha conservato l’impostazione “ciclabile” che ha caratterizzato l’opera fon dalla fase preliminare, nel pieno rispetto del D.lgs. 366/98 che impone corsie ciclabili per tutte le nuove infrastrutture stradali e per tutte quelle in manutenzione straordinaria. È previsto pertanto un anello ciclabile esterno su tutto il perimetro (in rosso nell'immagine).

Un aspetto particolarmente qualificante è l’innesto predisposto per future ciclabili in tutte le direzioni che irradiano dalla rotonda.

Verso Tortoreto è prevista una ciclabile nella fascia tra SS16 e ferrovia, che confluirà nel sottopasso di v. Napoli che conduce al lungomare, collegandosi così al Corridoio Verde Adriatico.

Verso la SP8 sarà possibile proseguire con ciclabili su uno o entrambi i lati, complanari alla strada; in tal modo si potrebbe raggiungere con poca spesa l’Acquapark Onda Blu, punto di attrazione turistica, e la zona industriale, così da incoraggiare la bici anche nei collegamenti casa-lavoro.

Infine l’ANAS avrebbe previsto la possibilità di allargare il ponte della SS16 per realizzarvi ciclabili su entrambi i lati. A tal proposito un’alternativa economica e pratica sarebbe una doppia corsie a sbalzo su mensole in acciaio, con assito leggero in legno, su entrambi i lati. Dal punto di vista amministrativo potrebbe esserci un accorso tra i comuni di Giulianova e Tortoreto, che il ponte unisce, per realizzare insieme i lavori. L’opera avrebbe grande importanza in vista di un possibile percorso ciclabile che risalga il Salinello sulla sponda sud.




martedì 10 marzo 2009

Lungofiume ciclabili: interesse dei sindaci nell’area Montesilvano-Pineto

La goccia scava la roccia: sembrerebbe proprio così, poichè col susseguirsi dei forum del Coordinamento Ciclabili Abruzzo Teramano, e a seguito della massiccia partecipazione di amministratori, è ormai al centro della programmazione territoriale iltema delle ciclabili nelle valli fluviali. Lo dimostra la notizia dell’incontro tra gli amministratori dell'area Montesilvano-Pineto, che hanno individuate tra le priorità per l’utilizzo dei fondi FAS proprio queste infrastrutture “leggere”.

Link all’articolo

lunedì 9 marzo 2009

Ciclabile del Salinello: un’alternativa sulla sponda sud

Finora per la ciclabile del Salinello sono state prese in considerazione due alternative, la SP8 e un percorso dedicato sul’argine nord, con relativi vantaggi e svantaggi.
Una terza ipotesi è la sponda sud, che interessa i comuni d Giulianova (circa 1km), Mosciano (3km) e S. Omero, già suggerita da Legambiente Tortoreto.
Si riporta il link con le foto del sopralluogo, che parte dal lungomare nord di Giulianova, prosegue per un breve tratto di SS16 e poi risale la vallata fino al bivio per ctr. Salino (per il ritorno ci sono le foto col percorso tra la ferrovia e il mare sulla sponda giuliese).
Si tratta di una strada già esistente, asfaltata, con limite a 30kmh, con pochissime abitazioni e ancor meno traffico –tra andata e ritorno abbiamo incontrato solo 3 auto, oltre a una decina di bici e qualche fondista.
Inoltre al bivio per Salino c’è un maneggio, e risalendo la collina verso sud c’è la Fattoria Cerreto, notissimo maneggio e ristorante.
Con pochissima spesa e per la gioia anche dei residenti si potrebbe chiudere la strada al traffico con delle sbarre, riservando il passaggio ai residenti –che avrebbero le chiavi-, strada che è comunque possibile aprire in caso di emergenza. Si tratterebbe di una “green way” con traffico motorizzato ridottissimo –pochissime auto e qualche trattore-, resa sicura da opportuni dossi e segnaletica orizzontale e verticale, adattissima al cicloturismo, al trekking a cavallo, al fondo, e una possibilità per i residenti di ctr. Salino di rompere l’assedio del traffico motorizzato con un collegamento sicuro e gradevole con la costa.

domenica 8 marzo 2009

Castelnuovo Vomano: 4° Forum "+Bici - SUV"

Si terrà sabato 4 aprile a Castelnuovo Vomano il 4° forum “bici – SUV”, che prosegue il percorso iniziato con il forum di Giulianova a novembre, seguito dall'appuntamento teramano di dicembre e quello di Notaresco dello scorso 7 febbraio.
Il giorno dopo, domenica, seguirà la consueta biciclettata, stavolta sul percorso lungofiume Castelnuovo-Scerne, una strada bianca di ben 20km -ma non saranno necessariamente percorsi tutti- adattissima a diventare ciclabile.
Link al programma della manifestazione
Inoltre il Coordinamento Ciclabile Abruzzo Teramano, di cui “Salinello Ciclabie” è filiazione diretta, è anche su facebook, un canale in più per farsi conoscere, contattare nuove persone e aprire canali di dibattito (curato da Raffaele Di Marcello): link al coordinamneto su facebook

sabato 7 marzo 2009

Ciclabile Ascoli-Mare: si concretizza la ciclabile a basso costo

Sono incoraggianti le notizie che ci giungono dalla valle del Tronto per la realizzazione della ciclabile Ascoli-mare.
Già diversi anni fa il comune di Spinetoli realizzò un primo troncone di ben 4km semplicemente chiudendo a traffico e sistemando una strada bianca parallela al fiume, un perfetto esempio di opera a basso costo e alta efficacia. Tutto l'entroterra è infatti percorso da una fitta rete di strade bianche adattissime come ciclopedonali, purché le si renda sicure con sbarre che ne impediscano l'accesso alle auto e soprattutto ai pericolosissimi fuoristrada o SUV, i cui “piloti” si esaltano in velocità sugli sterrati.
Nel frattempo il percorso si è esteso a monte fino a Colli del Tronto, e la notizia del giorno è che prendono avvio i lavori anche per il tratto di Centobuchi, oltre 2km con appena 115.000€! In tempi di grave crisi economica opere del genere permettono di creale lavoro per le imprese, accrescere l'attrattiva turistica e offrire alternative di mobilità sostenibile ed economica per le tasche dei cittadini rispetto all'auto, il tutto con minima spesa pubblica.
Link alla notizia su adb Ascoli

lunedì 2 marzo 2009

Il Sole 24: la bici fa tendenza tra manager e imprenditori

In un recente articolo del Sole 24, autorevole e principale testata economico-finanziaria italiana, si descrive l'esplosivo fenomeno della diffusione della bici nel mondo dell'impresa e della finanza: imprenditori e agenti di borsa che a Milano vanno al lavoro in bici, grandi gruppi come Google e Ikea che regalano bici ai dipendenti per utilizzarle nei percorsi casa-lavoro.
Infine si parla della presenza sempre più massiccia di queste categorie ai "critical mass", raduni ciclistici apparentemente casuali, nati come "uso sovversivo della bicicletta" nel '92 a San Francisco. Curioso come la bici, già oggetto di culto in ambienti di sinistra e anarchici -il "cavallo" dei proletari- ora faccia tendenza anche in business class; in realtà a vincere è semplicemente la razionalità, dati gli incomparabili vantaggi in termini di costi, salute, praticità e rispetto dell'ambiente che si concentrano in questo semplice e geniale mezzo di trasporto.


Link all'articolo